Guida

IDEE GUIDA

Il Partito per la Decrescita e' un soggetto politico autonomo ed indipendente che aspira ad affermare nell'Europa Comunitaria di valori economici e sociali legati al concetto di decrescita, sostenendo che questa, intesa come forma di sviluppo assennato non vincolata alla necessaria crescita del pil, sia l'unico modo di rallentare quegli sconvolgimenti climatici e quindi sociali innescati dalle logiche liberiste del mercato. Essendo convinto dell'assoluta insostenibilita' dell'attuale forma di sviluppo, il Partito intende promuovere sin da ora degli interventi a breve, medio e lungo termine per ridurre i consumi e agevolare il passaggio ad uno sviluppo assennato, che pur prevedendo la ricerca del benessere materiale, non sacrifichi in nome di quest'ultimo integrita' ambientale e qualita' della vita.

E' infatti obiettivo primario del Partito ottenere un progressivo e costante miglioramento delle condizioni di salute del Pianeta Terra, intervenendo su quelle esasperazioni economiche che sono causa sistematica di degenerazione ambientale e, parimenti, promuovendo l'adozione di uno stile di vita meno legato al bisogno di possedere e piu' indirizzato alla tutela dell'integrita' ambientale all'interno ed in simbiosi con il quale sia possibile trovare progresso ed armonia.

Nell ambito di quanto sopra esposto si vogliono identificare alcune idee guida:

Si identificano cinque tipologie di merci:

Ci sembra opportuno che:

Il Partito ritiene quindi che sia necessario intervenire con misure disincentivanti per ridurre il consumo e la produzione di merci indotte e superflue (oltre ovviamente a quelle dannose). Va' detto inoltre che questi prodotti si rendono appetibili perche' venendo incontro alla scarsa disponibilita' di tempo e informazione in cui il consumatore si dimena, come in un vortice che si autoalimenta, sono veicolatori di praticita'. E' indispensabile quindi intervenire con forme di buon governo e buona amministrazione locale, sfruttando al meglio le potenzialita' tecnologiche, per pervenire ad una migliore qualita' della vita e contrastare questo fenomeno alienante.

2 -Si ritiene che la produzione su vasta scala non sia concepibile per ogni tipo di merce.

Solo per alcune di esse e' infatti accettabile l'accentramento dei mezzi di produzione, mentre per molte altre (la maggior parte dei servizi, i prodotti alimentari etc..) e' auspicabile una produzione artigianale e localizzata.

L'attitudine ad industrializzare qualunque prodotto o servizio e' infatti una forma esasperata e inadeguata al mantenimento della qualita' e concorre all'accelerazione del ritmo della vita, nonche' alla perdita del discernimento nell'acquisto, trasformando il cittadino da acquirente in consumatore ed in particolare in consumatore di merci spesso superflue.

La distanza, non solo logistica, ma anche concettuale fra la produzione di merci e l'individuo che ne usufruisce alimenta sempre piu' la pratica dell'usa e getta con tutto cio' che ne consegue (in primis, danni ambientali ormai non piu' assorbibili). Opponendosi ad una industrializzazione diffusa si contrasta peraltro il drenaggio delle risorse economiche da parte delle grandi aziende, che rischia di emarginare i ceti piu' deboli e in particolare quelli a reddito fisso. Al contrario il Partito si propone di valorizzare le risorse locali e, con la creazione di nuovi posti di lavoro radicati nel territorio, mettere a frutto e capitalizzare quel surplus di qualita' che solo una produzione artigianale e locale puo' fornire.

3- Sebbene non manifesti, nella fase attuale, alcuna inclinazione verso una dottrina economica socialista intesa come la piu' idonea alla realizzazione dei suoi obiettivi, il Partito Per la Decrescita ritiene un principio che i beni comuni (acqua, energia, una parte del territorio) rimangano alla collettivita' e che il cittadino torni ad essere utente e non cliente. I servizi pubblici (scuola, sanita', etc.) dovranno essere garantiti e nessuno potra' esserne escluso.

4- Il Partito vuole riaffermare il significato positivo del concetto di risparmio, in questi ultimi anni minato da incentivi a consumare, pratica, quest'1ultima, che si e' andata affermando come doverosa e necessaria per l'andamento dell'economia.

Risparmio come risorsa economica per i ceti piu' deboli, ma ancor piu' una risorsa di tutti per l'energia e le materie prime intrinseche alla merce non acquistata. Il risparmio costituisce percio' un principio basilare di buon senso sulla base del quale ristudiare l'evolversi della nostra economia ed il nostro sistema complessivo di sviluppo.

5- Viceversa il Partito ritiene che altri concetti, originariamente con valenza positiva, come igiene, sicurezza, comodita', abbiano in realta' provocato effetti deleteri perche' su di essi si e' addensata una esasperazione nevrotica ed egoistica arrivando ad effetti altamente inquinanti.

6- Cosciente della necessita' di rendere graduale ogni mutamento e di dover salvaguardare al meglio il benessere raggiunto, seppur precario, il Partito e' convinto che si debba intervenire in maniera lungimirante per spostare gradualmente le risorse che attualmente concorrono al PIL verso settori ad alto contenuto scientifico ed intellettuale.

7- Il Partito identifica nell'Unione Europea, per la sua storia, cultura e per il benessere gia' acquisito, un referente ideale per la divulgazione dei valori ecologici e di qualita' della vita insiti nella decrescita e ritiene che dall'Europa stessa questi valori possano espandersi nel resto del mondo a partire dai paesi con un benessere diffuso. E' infatti ben cosciente che le nazioni in via di sviluppo si ritengono in diritto di pervenire ad un benessere almeno paragonabile a quello dei paesi gia' sviluppati.

Tenendo conto di questa esigenza il Partito si attivera' per divulgare una visione del mercato che tenda ad una piu' equa distribuzione del reddito al fine di ridurre il gap di ricchezza tra il nord ed il sud del mondo. Consapevole peraltro di porre in questo modo un freno all'esodo cui milioni di persone sono sfuggire a problemi di sopravvivenza e a emergenze climatiche.

8- Il Partito si dichiara rispettoso di ogni fede religiosa, cosi' come di ogni forma di convincimento laico e si esprime in particolare per la salvaguardia delle culture e delle tradizioni dei popoli. Ritiene infatti che la diversita' culturale sia un bene assoluto da preservare e da cui trarre che sia quindi doveroso opporsi al processo di omologazione in atto a causa del mercato globale.